Congelamento dell’embrione

Congelamento dell'embrione

In breve, il congelamento degli embrioni è un processo che si adatta allo stadio di sviluppo dell’embrione. Gli embrioni sono posti nei loro mezzi preparati, che sono progettati per proteggere gli embrioni da temperature estremamente basse. Un dispositivo controllato dal computer abbassa lentamente la temperatura della soluzione fino a raggiungere-80C. Gli embrioni vengono quindi etichettati e conservati separatamente in serbatoi riempiti con azoto liquido, che mantiene una temperatura di-196C.A queste temperature, non si può osservare alcuna attività biologica e gli embrioni possono essere conservati fino a quando il paziente è pronto a scongelarsi. La procedura di congelamento-disgelo fornisce una perdita di vitalità del 20% e gli embrioni sopravvissuti hanno una probabilità di 1/3 di impianto in un secondo momento rispetto agli embrioni freschi. Tuttavia, la tecnologia sta migliorando costantemente i tassi di sopravvivenza. Gli embrioni tecnicamente congelati possono essere conservati indefinitamente, a seconda della decisione della coppia. Sebbene gli embrioni siano conservati convenzionalmente per un massimo di 3-5 anni, le relazioni dei casi mostrano che gli embrioni possono essere conservati più a lungo. Facendo rinnovare i contratti ogni anno, le coppie possono decidere se vogliono sciogliere gli embrioni e trasferirli nel grembo materno, distruggerli o donare gli embrioni alla ricerca. Se ci sono embrioni di qualità in eccesso dopo il trasferimento degli embrioni, possono essere conservati congelando. Anche se non tutti gli embrioni sopravviveranno alla procedura di congelamento-disgelo, i tassi di gravidanza si sono avvicinati ai trasferimenti di embrioni freschi. Il congelamento degli embrioni è diventato un metodo consolidato ed è stato praticato per circa 20 anni, specialmente nei casi in cui è stato rimosso un gran numero di ovociti – il congelamento dopo la formazione dell’embrione ha fornito una seconda possibilità per le coppie il cui primo tentativo non ha portato alla gravidanza. Preparare il paziente per il trasferimento di embrioni scongelati è medicalmente più semplice e meno invadente. In alcuni casi, i pazienti tornano a trasferire gli embrioni immagazzinati per rimanere incinta di un secondo figlio. Gli embrioni possono essere congelati in qualsiasi momento durante il loro sviluppo. Il primo giorno si possono vedere le uova fecondate, e poi lo zigote inizia a dividersi per diventare un embrione . 5. il giorno, l’embrione diventa una blastocisti, che è uno stadio che dà risultati migliori dopo il congelamento/scongelamento. Nel nostro paese, il Ministero della Salute ha aumentato il periodo di conservazione degli embrioni a 5 anni. I registri elettronici sono fatti che solo le persone autorizzate con una password possono accedere a ciascun file paziente. Ci sono cinque backup di questi record, che sono fatti ogni giorno e memorizzati in luoghi diversi. Tutti gli edifici, incendi, terremoti, ecc. per sicurezza in caso di tale distruzione, due copie sono conservate in un altro edificio.

Vetrificazione

Questo è un metodo con cui gli embrioni vengono congelati rapidamente per prevenire la formazione di cristalli di ghiaccio. Quando la soluzione si congela, si solidifica per formare un aspetto simile al vetro. Questa procedura ha lo scopo di prevenire la formazione di cristalli di ghiaccio all’interno della cellula quando la temperatura si abbassa. DMSO (dimetilsolfossido) e glicole etilenico sono i crioprotettori più comunemente usati. Dopo che gli embrioni sono stati etichettati, sono immersi direttamente nell’azoto liquido. Attualmente, la vetrificazione è più comunemente utilizzata nella maggior parte delle cliniche IVF, poiché il metodo mostra tassi di sopravvivenza e tassi di gravidanza migliori rispetto al congelamento lento.